CNA Formazionecna formazione

Le idee e le competenze che creano futuro.

25-03-2020
Nuovi moduli ufficiali della Prefettura per chi resta aperto

Nuovi moduli ufficiali della Prefettura per chi resta aperto

Alcuni chiarimenti in seguito al DPCM di domenica 22 marzo che regolamenta le attività che possono rimanere aperte

IMPORTANTE!

Va segnalato che il DPCM del 22 marzo si somma a quello uscito l'11 marzo, quindi le attività permesse secondo tale decreto continuano a poter essere svolte, ovviamente sempre rispettando le misure di sicurezza. Si conferma anche, per le attività del settore alimentare, la possibilità della consegna a domicilio.

Al di fuori delle attività permesse, le attività produttive che sarebbero sospese possono comunque proseguire se organizzate in modalità a distanza o lavoro agile (smart working).

Ricordiamo che saranno consentite anche le attività che sono funzionali ad assicurare la continuità delle filiere delle attività di cui all’allegato 1, nonché dei servizi di pubblica utilità e dei servizi essenziali, previa comunicazione al Prefetto competente, che potrà sospendere tali attività qualora ritenga che non sussistano le condizioni sopra indicate.

Sono consentite le attività degli impianti a ciclo produttivo continuo, previa comunicazione al Prefetto competente, dalla cui interruzione derivi un grave pregiudizio all'impianto stesso o un pericolo di incidenti. Il Prefetto potrà sospendere tali attività qualora ritenga che non sussistano le condizioni indicate.


La richiesta di autorizzazione allo svolgimento delle attività dell'industria dell'aerospazio e della difesa, nonché delle altre attività aventi rilevanza strategica nazionale.

Le imprese le cui attività sono sospese per effetto del decreto, dovranno completare le attività necessarie alla sospensione entro il 25 marzo 2020, compresa la spedizione della merce in giacenza.

Le suddette attività potranno essere svolte solo con il pieno rispetto dei protocolli per la sicurezza e la salute dei lavoratori attualmente vigenti.

NB! La comunicazione alla Prefettura riguarda tutto ciò che non è indicato nell’Allegato 1, le attività indicate con codice Ateco non necessitano della comunicazione.

Gli uffici CNA restano a disposizione per eventuali chiarimenti

Cerca un corso